salta alla navigazione | salta alla contenuti | salta alla navigazione secondaria | salta al piè di pagina

torna su

Homepage » Conferenza Traffico e Circolazione

Conferenza Traffico e Circolazione

Quando nacque la Conferenza del Traffico e della Circolazione, due termini solo apparentemente simili, dove il primo rappresenta gli spostamenti, il secondo il sistema entro cui si svolgono gli spostamenti, era il 1930.

Da allora ad oggi, 2011, si sono svolte 67 edizioni  che sono state lo specchio di un’Italia che da paese contadino è diventato post industriale: dalle strade “bianche”, percorse da calessi, al tutor che controlla le velocità; dai 400.0000 veicoli  d’allora,  agli attuali 48 milioni.

La Conferenza ha visto le prime preoccupazioni per i danni degli incidenti stradali che negli Trenta e Quaranta hanno provocato la morte di rampolli dell’aristocrazia  (basta rileggere alcune pagine di Barricco), negli anni Cinquanta e Sessanta ha favorito la nascita del Codice della Strada e del sistema autostradale italiano, negli anni Settanta e Ottanta ha assistito alla motorizzazione di massa tra euforia e preoccupazioni che negli anni Novanta l’hanno vista interprete delle esigenze di mobilità complessiva, che punta a trasporti pubblici maggiori e migliori, in modo che la vettura privata possa essere usata meglio.


E in questi ultimi dieci quindici anni sono sorte proposte per alzare i livelli di sicurezza stradale, per favorire una mobilità più rispettosa dell’ambiente, per far nascere la figura dell’ausiliario della sosta, … per far confrontare tra loro chi produce veicoli,  chi gestisce reti, chi amministra il territorio, chi rappresenta segmenti di mobilità.
I cambiamenti della Conferenza, anche dal punto di vista organizzativo, sono i cambiamenti della nostra società e l’esigenza sempre maggiore di mobilità ha reso e rende la Conferenza palcoscenico di questi mutamenti.
Ne sono testimonianza precisa i temi trattati nel corso delle varie edizioni che trovate raggruppati per decennio nel menu a destra.

torna su